Categorie
Idee e progetti

Piergiorgio e l’Open Source nel GIS

Intervista a Piergiorgio Roveda, pianificatore territoriale, esperto GIS, autore del progetto City Planner e appartenente al progetto GisTonic, impegnato, tramite i suoi tutorial, nella missione di diffondere la cultura Open Source nel mondo GIS.

Categorie
Idee e progetti Lezioni

foss4git_2017 – Dal Geoportale alla mappa web mediante LeafletJS

LeafletJS, la libreria Javascript per pubblicare mappe sul web, ha raggiunto un livello di sviluppo tale da adattarsi ad ogni esigenza. Trovare i dati, gestirli con QGis, imagazzinarli in un DB Postgres e da questo estrarre i file geoJson con query dinamiche tramite il PHP, significa ottimizzare il processo per la visualizzazione dei dati. Nel workshop il docente farà una scaletta scelta opportunamente dal suo canale di Youtube
Richieste: PC personale e VM Osgeo live da scaricarsi preventivamente

Community

Materiale (accesso riservato)

Riferimenti utili

Categorie
Idee e progetti

Vuoi imparare a programmare?

La programmazione consiste in scrivere delle procedure che ti permettono di creare oggetti, anche visibili, tramite codice. Questi oggetti, scritti col codice, sono più gestibili e, se ti occorre creare tanti oggetti simili, ti basterà copiare il codice più volte.

Di seguito, 3 importanti punti della programmazione:

  1. il codice è un linguaggio semplificato e strutturato, con regole molto rigide
  2. il codice ti permette di usare delle variabili, diventando quindi dinamico
  3. il codice può avere dei cicli, che ti permettono di ripetere operazioni

Ci sono 2 diversi approcci per imparare a programmare:

  1. studiare le basi della programmazione e le logiche, dai manuali o da professori
  2. seguire tutorial pratici, iniziando con piccoli progetti concreti (ad esempio un sito web)

I diversi linguaggi di programmazione sono abbastanza simili tra loro. Ad esempio, io conosco Php, Basic, Python, Javascript, Html, Css e tutti seguono la logica dei 3 punti sopra. Ovviamente, ogni linguaggio ha le sue caratteristiche e dire che Html è simile a Css o a Javascript, potrebbe essere un’eresia.

Se non sbaglio, tutti i linguaggi di programmazione partono dal C, ma il consiglio che darei ad una persona che vuole imparare a programmare da zero, magari non avendo tempo pieno per farlo, è quello di studiare Html, Css e Javascript.
Questi 3 linguaggi di programmazione hanno delle caratteristiche, che io trovo affascinanti:

  • iniziare è molto intuitivo, ad esempio per scrivere una parola in grassetto basta racchiudere la parola tra i codici <b>parola</b> dove b sta per bold
  • sono linguaggi molto diffusi, con tanta documentazione per neofiti
  • per imparare a scrivere questo codice, serve solo un editor di testo ed un browser

Html, Css e Javascript dovrebbero essere studiati in ordine, ma conoscere questi 3 linguaggi significa avere un orizzonte di applicazioni molto molto ampio; in termini di tempo per acquisirli e in relazione alla panoramica di prospettive che si possono aprire, questo trio è il meglio che si possa scegliere. Al contrario, con Python o C non è possibile.

WordPress si basa sul linguaggio Php, tuttavia agli utilizzatori di WordPress non è assolutamente richiesta la conoscenza di questo linguaggio! L’utente medio di WordPress, che può anche offrire servizi di soli contenuti a terzi, non è tenuto a conoscere il trio Html, Css, Javascript, anche se conoscere Html e Css ti permette di avere una marcia in più. Wordpress è come un software e occorre imparare ad usarlo, un po’ come Word o Excel, con le loro funzionalità e caratteristiche.

Consiglio

Questo breve testo è solo introduttivo, ti suggerisco di guardare i video che ti elenco qui per approfondire l’argomento:

Successivamente, avrai gli elementi per poter scegliere quale corso seguire. La scelta non è se di persona o virtualmente, ma se seguire corsi a pagamento preconfezionati o scegliere dei tutor che ti seguano.
Ti elenco prima delle video lezioni strutturate e successivamente dei tutorial non ordinati, come ad esempio sono i miei:

Lezioni strutturate

Tutorial non ordinati

Categorie
Idee e progetti

xMas2016: buon Natale #gistipster

Dietro le quinte e step importanti del canale GISTIPS. Di questi 2 anni è difficile riassumere ciò che è successo, ma soprattutto è impossibile prevedere cosa accadrà. Ciò che vi posso promettere è che per tutto l’anno che verrà, io ci sarò e spero che ci siate anche voi. Auguri #gistipster, dal vostro Pj.

guarda il video su YouTube

Categorie
Idee e progetti

MapBox Woodcut

Categorie
Idee e progetti

Abilitare una mappa “variabile” in WordPress con ACF

Vedere una mappa in fondo al proprio articolo, è molto utile, ma tra i vari plugin per Worpress, nessun plugin lavora così bene! Mettere mano al codice può spaventare, ma dopo 2 o 3 minuti di video, non sarà più così, parola di Pj. Per seguire la procedura ho creato un documento in parallelo e utilizzando Codeanywhere, sembra tutto più semplice.

Alucni link utili:
– documento esercizio parallelo: https://goo.gl/R2VjyJ
– pagina test: http://gistonic-milano.duckdns.org/exp_pj/test01/
– LeafletJS tutorial: http://leafletjs.com/examples/quick-start/
– Codeanywhere: https://codeanywhere.com/
– Custom Post Type UI: https://it.wordpress.org/plugins/custom-post-type-ui/
– Advanced Custom Fields: https://it.wordpress.org/plugins/advanced-custom-fields/

Categorie
Idee e progetti

OpenStreetMap HOT

HOT style: Humanitarian focused OSM base layer

GitHub: HDM-CartoCSS

The HDM rendering is a Carto project, focusing on the Humanitarian Data Model.

Licence

  • stylesheet is licenced under CC0
  • Nori icons are licenced under CC0
  • Maki icons by Mapbox are licenced under CC0
Categorie
Idee e progetti

Carto Dark

Lorem Ipsum è un testo segnaposto utilizzato nel settore della tipografia e della stampa. Lorem Ipsum è considerato il testo segnaposto standard sin dal sedicesimo secolo, quando un anonimo tipografo prese una cassetta di caratteri e li assemblò per preparare un testo campione. È sopravvissuto non solo a più di cinque secoli, ma anche al passaggio alla videoimpaginazione, pervenendoci sostanzialmente inalterato. Fu reso popolare, negli anni ’60, con la diffusione dei fogli di caratteri trasferibili “Letraset”, che contenevano passaggi del Lorem Ipsum, e più recentemente da software di impaginazione come Aldus PageMaker, che includeva versioni del Lorem Ipsum.

Categorie
Idee e progetti

Pokemon Go reinventa lo Spatial Planning

Che vi piaccia o no, Pokémon Go segna un punto di svolta. Dopo circa un mese dal lancio, questa location-based app ha trasformato radicalmente il mondo del gaming e ha creato una tribù globale di esploratori urbani. Questo coloratissimo monster-packed game potrà cambiare il campo e la professione dello spatial planning e della progettazione ambientale.
Pokémon Go è una location-based gaming app nella quale gli utenti si fanno strada nel mondo reale utilizzando una mappa 3D per cercare e catturare le creature immaginarie chiamate Pokémon. Il mondo Pokémon contiene luoghi geo-tagged, conosciuti come PokéStops (generalmente localizzati in luoghi pubblici) dove i giocatori possono sfidarsi usando i loro cellulari. Quando i giocatori si imbattono nei Pokémon, queste creature si sovrappongono allo sfondo reale, utilizzando la realtà aumentata con la fotocamera dello smartphone.Da una prospettiva tecnologica, Pokémon Go è particolarmente impressionante perchè unisce realtà aumentata, dispositivi mobili e gaming, insieme al sistema globale di navigazione satellitare (GNSS). Da una prospettiva geospaziale però, è molto di più.OpenStreetMap e Google Maps sono cartografie comuni, non professionali. Ci sono mappe che riportano informazioni più “consolidate” e soprattutto di maggior qualità. A questo si possono aggiungere mediante il geotagging, la documentazione di corredo per arricchire il dato. Infatti, per geotagging e geofancing si intende tecnicamente aggiungere i meta alle coordinate di un punto o alle forme geometriche linee e poligoni. In sostanza, l’aggiunta della foto ad una coppia di coordinate (latitudine e longitudine) significa proprio questo. Questo permette di proiettare sui nostri dispositivi il mondo reale, aggiungendo la possibilità di vedere solo quello che serve.

Così potreste chiedere, qual è la connessione tra lo spatial planner e lo sviluppatore Pokémon / GIS? Bene, lo spatial planner pianifica spazi – lui o lei decide cosa dovrebbe essere costruito, dove e quando dovrebbe essere costruito. Prendendo le decisioni, i planners cercano di assicurare che gli spazi siano giusti, salutari, sicuri e vivibili e il loro lavoro ha implicazioni di tipo far-reaching e long-lasting. Così facendo, i planners affrontano (e combattono) anche i loro veri Pokémon a forma di ingegneri, architetti, costruttori, membri della comunità e policy-makers.
Come gli spatial planners, gli sviluppatori dietro Pokémon Go stanno creando nuovi spazi e luoghi. Invece di farlo attraverso policy, zoning e linee guida di design urbano, stanno re-immaginando gli spazi attraverso strati di informazione spaziale, che è poi utilizzata dai cacciatori di Pokémon.
Essi stanno gestendo l’attivazione di spazi che prima erano passivi e così facendo stanno reinventando l’ambiente costruito.
Pokémon Go is a location based gaming app in which users navigate the real world using a representative 3D map in order to search for and capture imaginary creatures called Pokémon.
Pokémon Go is a location based gaming app in which users navigate the real world using a representative 3D map in order to search for and capture imaginary creatures called Pokémon.

Se sono stati mossi i passi giusti, Pokémon Go ha un enorme potere per i planners e per la disciplina dello spatial planning nell’insieme. Fino ad ora, i planners hanno formulato soluzioni nel mondo reale – impegno della community, cambiamenti politici, piani di costruzione, strategie di design urbano e misure di planning enforcement. L’arrivo di Pokémon Go indica che il regno virtuale è un nuovo campo di battaglia che i planners dovrebbero considerare e in cui inserirsi se la materia è attinente. Oltre al potenziale di creare nuovi ambienti urbani e di rivitalizzare gli esistenti, Pokémon Go potrebbe fornire ai planners un nuovo modo di coinvolgere e consigliare gli abitanti urbani, che potrebbero non essere coinvolti nei processi di consulenza di comunità standard.

Di importanza chiave è che il nuovo regno virtuale richiederà ai planners di imparare e impegnarsi con la tecnologia e i dati usati per creare Pokémon Go. Con le giuste competenze, strumenti e una sana dose di immaginazione, i planners potrebbero usare potenzialmente dati under-utilised public-domain per creare app simili che aiutino a reinventare le comunità locali.
Ciò che Pokémon Go dimostra è che il geospatial world si sta muovendo verso una nuova emozionante direzione e sta iniziando a convergere con una serie di altre tecnologie, dati e user. Grazie a giochi come questo, gli user iniziano ad esplorare e apprezzare il mondo in un modo totalmente nuovo.
Gli spatial planners dovrebbero tenersi al passo.
Articolo originale: linkedin.com/40-geospatial-friday-pokémon-go-reinvents-spatial-planning-conway by Niall Conway geobreadbox.com
Categorie
Idee e progetti

Welcome to Pokèmon MAP

La Pokemon Go mania si vede soprattutto nelle grandi città, proprio come a Milano. Quindi perché riprendere un discorso di cui tutti parlano?

Chi si trova di solito in questo blog, forse trova delle cose ovvie, ma provate a pensare a quando parlate di geolocalizzazione, dati geografici, mappe vettoriali … e di GIS: è difficile trovare delle persone per parlare di questi argomenti. Ma con Pokémon GO, tutto sembra diventare più semplice, eppure gli argomenti sono gli stessi.

Con questo articolo presento un progetto personale, che porto avanti col gruppo gistonic-milano dove l’intento è quello di giochare un po’ con i numeri.

I Pokémon appaiono, scompaiono nelle nostre città e questo può significare che esistono dei luoghi dove è più probabile che i Pokémon “rari” riappaiono. Ho creato una mappa, dove raccolgo dati sui “ritrovamenti” dove qualsiasi utente, con pochi click, può aggiungerne uno nuovo. Le funzioni alla base permettono di temporizzare la “scoperta” e mediante la seguente pagina ci si può localizzare col proprio dispositivo.

Vai alla Welcome PAGE

Welcome to Pokèmon MAP


Per chi vuole qualcosa di più

reddit.com/wip_pokemon_go_map_visualization…
PokemonGoMap/PokemonGo-Map su GitHUB
step-by-step instructions – article
onury/geolocator
Developer documentation

Pokemon Milano MAP