Categorie
Map tutorial PostGIS QGis tutorial

Come creare un file DXF da uno ShapeFile

Ho riscontrato qualche problema con l’esportazione di file DXF da degli ShapeFile, non per le geometrie, ma per i Layer. Ho seguito qualche forum, di cui link sotto, ma alla fine sembra non funzionare con QGis, anche se metto “Layer” con la lettere maiuscola. Il risultato è che il DXF ha comunque tutti layer=0.

Ho provato anche ad usare lo strumento di processing v.out.dxf di GRASS, che è integrato direttamente in QGis, ma neanche questo mi ha mantenuto i campi della colonna Layer.

Sul mitico forum gis.stackexchange ho trovato la discussione che mi ha dato la soluzione getting dxf files out of postgresql, anche se ho dovuto aprire il terminale …

ogr2ogr -f DXF $TITLE$.dxf PG:"dbname='$DBNAME$' host='$HOST$' port='$PORT$' user='$USER$' password='$PASSWORD$'" -sql "select $COLUMN$ as Layer, the_geom from $TABLE$"

Con una piccola modifica nella stringa SQL, dove invece di $COLUMN$ as Layer, the_geom ho semplicemente messo * perchè mi dava errore (tipo che non riusciva a definire Layer

ERROR 1: DXF layer does not support arbitrary field creation, field 'layer2' not created.

ERROR 1: DXF layer does not support arbitrary field creation, field 'objectid' not created. Anche se nella schermata si vedono degli errori, perchè non riusciva a processare tutte le colonne, visto che ho inserito * (ALL), ma la colonna Layer gli è piaciuta.

vista DXF con Layer in QGisAdesso dovrò dirgli in qualche modo che nella stringa SQL, devo proiettare l’SR da 3003 in 32632 … ma questo penso di risolverlo con una view!

Link di riferimento ai forum:

  • http://gis.stackexchange.com/questions/29675/how-to-export-a-layer-to-dxf-from-qgis
  • http://gis.uster.ch/dokumentation/datenkonvertierung/ogr
  • http://freegeographytools.com/2007/converting-shapefiles-and-arcinfo-coverages-to-autocad-dxf-format

 

 

Categorie
Map tutorial QGis tutorial

Segreto o trucchetto con QGis: da cassini-soldner a wgs84 – LEGNANO

Mi piace pensare che questa procedura sia solo un trucchetto per rendere visive alcune informazioni incrociate. Ma se alla fine diventa un vero strumento di confronto tra sistemi di riferimento, allora … Con QGis a volte è più facile di quanto sembra. Segreto o trucchetto con QGis: da cassini-soldner a wgs84 – il caso di LEGNANO

  • webmap: http://goo.gl/PbzqKT
  • file esercizio: https://goo.gl/J7Y2v5
  • tool CXF to POSTGIS: http://goo.gl/kJC2Kn
Categorie
Map tutorial QGis tutorial

Mappa di Milano con QGIS: style gps data

The Geotaggers' World Atlas #1: New YorkIspirato da The Geotaggers’ World Atlas #1: New York ho iniziato a cercare dei dati GPS per ricreare questo effetto con QGis. Una visualizzazione di questo tipo, permetterebbe di vedere a colpo d’occhio i percorsi “più frequenti” e nell’esempio di NewYork quello dei turisti. Purtroppo ho trovato solo i dati di OpenStreetMap che i Mappesr caricano sulla piattaforma. Ala fine il risultato mi piace molto. Ecco la procedura.

Come alternativa sono stati utilizzati in questo esempio per la mappa di Milano gli open data di Open Street Map.

Procedura per creare una mappa con QGis con i dati dei tracciati GPS

  • utilizzando il software JOSM è possibile scaricare per una determinata area i file dei tracciati GPS selezionando l’opzione RAW gps data
  • i dati caricati in JOSM possono essere subito salvati e l’unica opzione è il formato GPX
  • qui potete trovare il file che ho usato nell’esercizio
  • caricate i dati in QGIS
  • questo progetto l’ho depositato su GitHub a questo indirizzo:  qgis-style-for-osm-gps-data-logger
  • nel repository trovate i file style_down.qml e style_up.qml  che sono gli stili da applicare al file gpx caricato in QGis. Per ottenere un effetto come la copertina, lo stesso file l’ho tematizzato prima con uno stile, in cima sopra tutto e poi col secondo stile (down), messo in fondo a tutto; in ogni caso se utilizzate il progetto QGistest_OSM_gpsdatalogger.qgs troverete tutto già fatto
  • ho utilizzato un tilelayer diverso da quelli che si possono trovare nel plugin OpenLayer, ma per fare questo ho utilizzato un plugin chiamato TileLayerPlugin for QGis (prova a cercarlo nel official plugin repository)
  • quando aprite questo plugin ci sono poche opzioni e quella che serve ti permette di selezionare una cartella sul vostro pc; in questa cartella ci devono essere dei file in formato TSV (tabelle) dove sono elencati i tilelayer; scaricate il file tilelayerplugin_plus.tsv per avere questo tile layer di MapBox chiamato StreetNoir
  • Questa cover è stata inserita nell’album ufficiale di QGis screenshoots … non dimenticate di aggiungerla alle vostre preferite >> like on Flickr

Mappa di Milano con QGIS: style gps data

Categorie
Idee e progetti QGis tutorial

Le novità di QGis 2.10 “PISA” – changelog

Tutte le novità di QGis 2.10 in una infografica. Qui potete trovare l’infografica da scaricare in full resolution.

Le principali novità di QGis Pisa:

  • layer effect
  • zonal statistics features
  • geometry rotation tool
  • layer con join filtrabili
  • migliorato il render dei simboli graduati

Si consiglia la lettura dell’articolo sulle “27 differenze tra ArcGIS e QGis

Infografica sulle novità di QGis 2.10 PISA

QGIS 2.10 "PISA" changelog
vedi su Flickr
Categorie
Map tutorial PostGIS QGis tutorial

duplicate adjacent vertex

Regione Lombardia – Guida ai controlli delle forniture Piani di Governo del Territorio

GUIDA AI CONTROLLI SUGLI SHAPEFILE

Controllo 8: assenza degenerazione. Ogni anello non ammette vertici adiacenti identici (considerando tutte le coordinate previste dal tipo) . I record errati sono elencati nella sottosezione “analisi dei valori dei tipi geometrici” e sono classificati col tipo errore “duplicate adjacent vertex”.

VIDEO: https://youtu.be/RUk-z5ZECeA

Nel “report analitico” prodotto come risposta alla consegna per i “controlli preventivi” sugli shapefile, alla voce QUALITÀ GEOMETRICA: Analisi dei valori dei tipi geometrici, vengono elencati le geometrie, secondo il CODICE IDENTIFICATIVO, dove sono presenti gli errori. In questo post, trattiamo quelli contrassegnati con: duplicate adjacent vertex.

La prima idea che mi è venuta è semplificare le geometria, per andare ad eliminare i vertici “troppo vicini”; non avendo trovato un plug-in adatto per QGis, sono passato subito a PostGIS. Il passaggio a PostGIS (non vedevo l’ora), è stato necessario anche per il fatto che, il tool di QGis (v 2.0.1) vector -> geometry tools -> check geometry validity non mi dava errore sulla geometria segnalata dalla Regione.

Come faccio ad individuare questi punti “molto vicini” duplicate adjacent vertex ?

L’operazione che seleziono è quella di estrarre i nodi dai poligoni, etichettarli e vedere le etichette che si aggregano sopra i punti: se ne trovo più di una, vuol dire che li ci sono più punti molto vicini.

Altri metodi

  • utilizzare il plug-in di QGis (installato di default v 2.0.1) vector -> geometry tools -> extract nodes
  • utilizzare ST Simplify e mediante la seguente Stringa SQL, verificare la tolleranza accettabile per eliminare i DAV. Contro serve solo come output finale per la Regione, ma non ti permette di indiduare i vertici da sistemare nella geoimetria originale.

find duplicate adjacent vertex whit ST_SnapToGrid e ST_NPoints

Occhio a non semplificare troppo!

Risorse