Sindaco 3.0

Blog

Sindaco 3.0

L'idea di Sindaco 3.0 nasce dalla mia esperienza nel campo della pianificazione territoriale e dalla valutazione ambientale di piani e programmi, ma sopratutto dall'approfondita conoscenza dei sistemi GIS e nel telerilevamento mediante Velivoli Auto pilotati.

L'idea di base consiste nel rispondere ad una città intelligente, mediante una logica nata dall'Open Government.

Il sistema di Sindaco 3.0 è un prodotto che rientra nella categoria delle Applicazioni, raggiungibile tramite browser dalla maggior parte dei dispositivi in circolazione.

Concretezza

Per rendere concreta e realizzabile questa idea mi sono posto alcune domande, per capire se ciò che intendo sviluppare, sia una necessità applicabile alla realtà quotidiana delle amministrazioni locali e di tutti coloro che operano per la trasformazione del nostro territorio.

  • Un modello basato sul famoso gioco SimCity, può essere proiettato su un territorio reale?
  • Il sindaco e l'amministrazione avrebbero beneficio se si avesse la disponibilità di una completa e aggiornata collezione di dati ed informazioni?
  • Tutte le miriadi di idee e proposte che ogni cittadino esprime, possono essere organizzate e classificate in modo da ottimizzare il loro avanzamento?
  • Può essere raggiunto un livello di partecipazione totale dei cittadini di un determinato territorio, mediante l'ausilio dei nuovi strumenti di comunicazione?

Sindaco 3.0

Bisogna innanzitutto stabilire l'oggetto su cui focalizzare l'interesse per sviluppare la logica dell'intero sistema dell'idea di Sindaco 3.0

Ho deciso di fissare l'attenzione sul cittadino, perché sul territorio rappresenta la maggioranza numerica e la più ampia diversità di approccio ad un sistema di questo tipo e in questo modo il cittadino viene trasformato in un sensore in grado di raccogliere e comunicare informazioni.

Il cittadino con questa applicazione dovrà essere in grado di raccogliere e comunicare informazioni.

Il cittadino con questa applicazione dovrà essere in grado di scegliere nel modo più adeguato le proposte individuate dall'amministrazione. Dovrà avere la possibilità di argomentare, commentare, chiedere spiegazioni per poi avere tutte le informazioni necessarie per effettuare una propria valutazione ed esprimere un giudizio.

In una fase successiva, quando l'utente avrà preso dimestichezza passerà ad un livello superiore, in cui sarà lui stesso a proporre alternative o addirittura nuove soluzioni.

L'applicazione

Il normale utilizzo di questa Applicazione, porterà alla creazione di un'importante archivio di contenuti, molto preziosi ai fini analitici e di studio del territorio. In questa applicazione, come in Wikipedia, la competitività e l'interazione con migliaia di utenti, concorrono ad approfondire e valutare le varie iniziative, creando indirettamente un'enciclopedia.

Così un'enciclopedia con approfondimenti possibili infiniti del proprio territorio sarà utile ogni qualvolta verrà avanzata una nuova proposta, creando ognuna una seri di possibili scenari: 1) se la proposta è stata già presentata in passato, si può prendere come modello e 2) se non valutata idonea risulta un punto di partenza, magari insieme ad altre, che ottimizza il tempo, lasciando spazio ad ulteriori approfondimenti, restando comunque un punto di partenza; 3) verificato invece che nessuna proposta simile sia già stata presentata, si procede col crearne una tutta nuova!

Gestione e l'analisi dei dati

Il fulcro di questa Applicazione è la gestione e l'analisi dei dati. Tutto è ripercorribile e può essere costruito un diagramma dettagliato per ogni processo di interazione. Si può ampliare questo sistema integrando il set di indicatori e si offre la possibilità di modificare le variabili di valutazione con cui i parametri mostrano i risultati.

L'applicazione è costituita da due principali sistemi, entrambi sviluppati con software OpenSource: il primo è costituito dall'interfaccia client, dove l'utente (amministratore o cittadino) può visualizzare un pannello di controllo, il cui scopo è mostrare tutte le inforamzioni di cui si ha bisogno, nel modo più veloce e chiaro possibili; mentre il secondo è un sistema di gestione del database, per elaborare informazioni, sviluppare analisi approfondite e distribuire i dati in vero stile OpenData.

Ciò che interessa l'esperimento a proposito dell'effettivo funzionamento è invece rappresentato dai parametri di accesso, registrazione e vari livelli di interazione, con cui è possibile avere riscontro immediato dell'efficacia del sistema e confrontando subito, a seguito di una miglioria, se questa risponde in modo positivo.

Saranno redatte regole di base che col tempo accresceranno e verranno raffinate.

Verrà infine introdotto un sistema di crediti, risultato molto efficace, oltre che nei supermercati e nei videogame, anche in tutte le situazioni in cui più individui interagiscono tra loro.

Ricerca

L'elemento ricerca e il suo corrispettivo esperimento produrranno dati in modo continuo e Sindaco 3.0 provvederà a restituirli nel modo più chiaro possibile, evidenziando ciò che gli utenti col tempo chiederanno maggiormente. Il tutto attraverso pubblicazioni stile notiziario.

Questo sistema di pubblicazione sarà attento a distribuire le informazioni in modo informale e terrà aggiornato l'utente sulle questioni aperte.

In linea con la logica di trasparenza si potranno esporre gli obiettivi e il loro raggiungimento, nonché la formulazione di quelli nuovi.

Il notiziario verrà utilizzato come feedback, per apportare le infinite migliorie ed implementare nuovi plug-in.

Questo sarà uno dei modi per aumentare il coinvolgimento degli utenti, perché mostrando a loro come l'applicazione può facilmente entrare negli usi comuni quotidiani, diventa un motivo in più per partecipare.

Conclusione

Ho cercato di rappresentare in questa slide il campo di battaglia in cui si inserisce Sindaco 3.0, suddividendo dapprima i 5 grandi sistemi di azioni e successivamente come questi interagiscono con l'ambiente già consolidato.

In questo ambiente ho richiamato 1) le 3 principali categorie di utenti che sono la PA, i cittadini e i professionisti; 2) un settore appositamente inserito riguarda l'analisi SWOT che risulta essere una tipologia di approccio molto utilizzato quando si parla di ambiente e di territorio; 3) poi troviamo i movimenti OPEN, che in modi diversi entrano in gioco ed 4) infine le varie tipologie di strumenti GIS per l'analisi e l'aggiornamento dei dati.

I 5 grandi sistemi sono il mezzo che proietta Sindaco 3.0 sul mondo reale perché attraverso di loro diventa possibile leggere e parlare col territorio. Questi grandi sistemi non sono previsti come azioni/fasi imprenditoriali interne a questa che vi sto proponendo; un sistema di telerilevamento mediante droni, è un prodotto offerto come pacchetto in aggiunta alla base offerta, così come l'Ufficio di piano all'interno di una città. Questa rappresentazione mette chiaramente in risalto la capacità intrinseca di questa applicazione di accogliere e dialogare con l'ambiente reale e virtuale che esiste già nei nostri territori, attraverso le 5 principali tipologie di interazione, che al loro volta racchiudono molti servizi aggiuntivi che saranno offerti di contorno ai futuri clienti.

Come possiamo notare la maggior interazione della PA, in linea con l'idea che accompagna di OpenGov e WebGIS, che tra l'altro sono i principali mezzi di comunicazione e organizzazione, si può avere durante la gestione degli Organi collegiali o nei forum pubblici e nella condivisione delle informazioni; La PA risulta inoltre interessata dalla raccolta dei dati, perché è noto che l'azione di volontariato non è sufficientemente adeguata per rilevare informazioni, quindi è necessario un intervento per il controllo e la pianificazione dell'azione, rafforzando in questo modo il legame tra PA e cittadini.

I professionisti sono stati volutamente esclusi dalla solo raccolta di dati, perché questa azione deve essere il legame forte per il coinvolgimento dei cittadini, da parte della PA e l'idea di partecipazione si deve consolidare proprio nel raccogliere i dati. (ricordo i cittadini come sensori).

L'analisi SWOT che oltre ad essere inserita completamente nella logica del motore analitico, concretamente si può apprezzare il suo metodo di esposizione, durante l'utilizzo dell'interfaccia di Sindaco 3.0 quando si vuole gestire, analizzare o condividere, perché attraverso questa logica e quella di sviluppo sostenibile si può rappresentare le informazioni in modo più comprensibile.

OpenSource coinvolge, volutamente, tutti i sistemi mentre OpenData risulta indispensabile a livello di struttura dei dati e come tipologia di licenza nel momento in cui i dati vengono richiesti e distribuiti.

Il GIS in tutti i suoi aspetti, è lo strumento master di gestione dei dati e della loro elaborazione, che un importante legame coi professionisti, tale da generare indirettamente una domanda di formazione, per comprendere gli errori nella gestione attuale delle informazioni e scoprire insieme quali vantaggi può portare questa applicazione.

PPGIS e WebGIS sono due tipi di metodi differenti, anche se spesso non è facile definire una completa distinzione, ma ci provo lo stesso. PPGIS rappresenta una forma di gestione mediante software e tecnologie informatiche con cui gruppi di persone collaborano per rappresentare il territorio in formato GIS; WebGIS è una forma adatta alla pubblicazione delle informazioni, le quali devono essere opportunamente predisposte per una corretta diffusione.

Così in Ufficio di piano possiamo vedere insieme i due metodi, con qualche differenza: PPGIS si occupa della raccolta dei dati, si confrontano i risultati e si creano analisi ed esperimenti; col WebGIS, si utilizza questo metodo per discutere e visualizzare la situazione del territorio in oggetto.

Successivamente alla creazione di un sistema di base, magari con l'ausilio di CMS OpenSource già disponibili, si avvia il progetto col far familiarizzare agli utenti cosa significa avere un Sindaco 3.0 a disposizione: si dovrà raggiungere un numero di utenti campione, a cui verrà consegnata una base di crediti, con cui poter interagire e valutare la riuscita del progetto.

In una fase successiva si prevede la possibilità di guadagnare i crediti, allargando al vero pubblico la possibilità di accesso al sistema. Si potranno guadagnare crediti compiendo azioni virtuose e portando in consiglio le scelte ben classificate; il passaparola sarà il primo vero trucco per guadagnare crediti!

Non appena si definisce che la popolazione è completamente collegata, si apre la fase di interazione completa, semplicemente dicendo che d'ora in poi si potrà modificare, aggiungere o rimuove i contenuti che riguardano il territorio!