Come usare PostGIS, un metodo tutto mio!

Blog

Come usare PostGIS, un metodo tutto mio!

Come usare PostGIS, un metodo tutto mio! >> PostGIS in 30 secondi, il mio metodo stringa per stringa
What is PostGIS? – A PostgreSQL database extension that spatially enables the server back-end to support the storage of geometric objects in an object-relational PostgreSQL database. – http://postgis.refractions.net/docs/
Se usate i database immagino che sappiate già di cosa si parla quando si dice che un database è geo-abilitato... sono i cosidetti geodatabase, ossia database con funzioni specifiche per gestire e analizzare i dati geografici. Non tutti hanno invece sentito parlare di PostGIS, tra i più potenti database nel panorama Open. I database geografici sono sempre attivi e pronti a rispondere ad ogni query. Se si archiviano tutti i dati in PostGIS, ogni qualvolta si apre un software, non solo QGIS, è proprio PostGIS che restituisce i dati di cui si ha bisogno. Utilizzare PostGIS dal codice sorgente è sconsigliato ai lettori non-programmatori /sistemisti. Ci sono soluzioni pronte all'uso come quella di installare la macchina virtuale OSGeo-live (vedi video) in cui tutti i software GIS compreso PostGIS sono preinstallati e i database sono interrogabili da subito. Per migrare a PostGIS invece bastano... 30 secondi :) Potete togliervi ogni dubbi guardando il mio nuovo progetto PostGIS in 30 secondi, dove i comandi saranno visibili nella mappa stringa per stringa.
Interrogare un database o semplicemente fare una QUERY è un'operazione con cui prendere subito confidenza, perché è un po' alla base di tutto il lavoro di analisi e gestione dei geodata.
[wc_image attachment_id=4428 size= title=Come usare PostGIS, un metodo tutto mio!  alt=Come usare PostGIS, un metodo tutto mio!  caption= link_to=post url=https://youtu.be/qjGbtC_DPig align=none flag=Play left= top= right=0 bottom=20 text_color= background_color= font_size= text_align=center flag_width=][/wc_image]

Cosa vuol dire interrogazione?

Interrogare un database o semplicemente fare una QUERY è un'operazione con cui prendere subito confidenza, perché è un po' alla base di tutto il lavoro di analisi e gestione dei geodata. Tutto sommato però mi sembra più utile mostrare esempi di utilizzo e fare esercitazioni semplici e mirate. Ogni settimana aggiungerò un video nella mia Pagina+, saranno basati su mie recensioni o su riposte alle vostre domande. Gli strumenti per lavorare, sono già pronti, vi basta solo iniziare e applicarli a ciò che fate quotidianamente.

Come usare PostGIS in 30 secondi? il mio metodo stringa per stringa

Scegliere di gestire i geodata con PostGIS, vi permette di mettere le basi per grandi o piccole infrastrutture di dati, che col tempo potrete sviluppare. Soluzioni come VPN e WebGIS si basano sulla presenza di database e non appena inizierete ad usare PostGIS vi accorgerete che ci sono molte alternative valide ai marchi proprietari (chi ha detto ESRI?-) Il primo motivo per iniziare ad utilizzare PostGIS è eliminare la moltitudine di geometrie / shapefile generati uno sull'altro, per creare graficamente quello che volete rappresentare sulla mappa. Vorrei interrompere questo assurdo metodo, che crea una esponenziale crescita delle incongruenza e una parallela perdita di tempo. La soluzione è strettamente legata a PostGIS, ma anche a Wordpress, a OpenLayers e JSON. Il progetto partirà a breve e molti potranno partecipare. Ora se vi dico
SELECT * FROM comuni
WHERE SIGLA_PRO='MI'
Sapete di cosa vi sto chiedendo? ...

[wc_button type=primary url=https://docs.google.com/forms/d/1MJ_IjAdptgSvlypAUJSb47CwirP09nPE5eRyb4C8VKU/viewform?usp=send_form title=Visit Site target=self position=float]Scopri la soluzione[/wc_button]